Giugno 19, 2021

ilCaffevitruviano.it

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La rigenerazione italiana aiuta la zona euro a riprendersi dalla recessione

Il rapido aumento del clima economico in Italia sta contribuendo ad accelerare la ripresa dell’Europa dall’epidemia del coronavirus, con misure di fiducia, assunzioni e prenotazioni di vacanze in forte aumento nelle ultime settimane.

Secondo i dati diffusi venerdì dalla Commissione europea, l’indice del sentiment economico italiano è salito di 11 punti a 115,8 a maggio, il più rapido aumento mensile in tutte le principali economie della zona euro e la lettura più forte in Italia dal 2000.

I record di occupazione sul sito Web hanno effettivamente raggiunto il livello più alto dall’inizio dell’epidemia questo mese, con le prenotazioni di affitti a breve termine a metà maggio che sono state le più forti dalla scorsa estate, secondo l’ADNA. Una società che monitora le prenotazioni.

L’epidemia ha colpito l’economia italiana più duramente delle precedenti e di altre grandi economie della zona euro. L’economia italiana è diminuita dell’8,9% lo scorso anno, la seconda più grande contrazione dopo la Spagna, e deve ancora fare più di Germania e Francia per riprendersi dai livelli pre-epidemici.

La recrudescenza del virus alla fine del 2020 e all’inizio del 2021 ha precipitato l’Italia – insieme ad altre importanti economie della zona euro – in una doppia recessione. Ma gli economisti si aspettano una crescita in tutta la zona euro nel secondo trimestre di quest’anno con l’aumento dei tassi di vaccinazione e le restrizioni Covit-19 sono allentate.

La Commissione Europea il mese scorso ha previsto che l’economia italiana nell’Eurozona crescerà dello 0,5% nel secondo trimestre. Ma il sentiment più recente e gli indicatori di dati ad alta frequenza suggeriscono che l’Italia sta andando meglio di così, dicono gli economisti.

READ  L'italiano Matteo Beretini 'sorpreso' dal ritiro di Roger Federer dal Roland Garros, in cerca di 'vendetta'

Claus Wiesteson, capo economista dell’eurozona al Pantheon macroeconomics, ha detto che l’economia italiana “sta tornando alla vita”.

“Ora torniamo in Italia e andiamo avanti davvero [we] Ci si può aspettare il PIL [the second quarter] Dovrebbe essere più forte della nostra previsione precedente “, ha detto.

Paulo Bissoli, un economista senior di ING, prevede che la crescita economica dell’Italia sarà “più forte di quanto previsto in precedenza nel secondo trimestre, che potrebbe arrivare fino all’1% a nord”. Ha detto che la riapertura dell’economia e il progresso della vaccinazione “stanno anche attivando la loro magia nel morale degli affari e dei consumatori”.

Il grafico fiscale degli indici del PIL mostra che Covit-19 ha colpito duramente l'economia italiana (Q4 2019 = 100)

Daniela Ortones, economista di Oxford Economy, ha detto che l’UE “aveva fretta” di introdurre un pass per l’assistenza sanitaria a livello di blocco, soprattutto per paesi come l’Italia che si affidano al turismo internazionale. Ma Bisoli ha detto che il turismo interno dovrebbe “fornire una copertura decente” per la mancanza di visitatori stranieri, come ha fatto l’estate scorsa.

I dati mostrano che l’industria italiana del tempo libero e dell’ospitalità è in forte espansione dopo il blocco.

Secondo i dati sui movimenti di Google, le visite a destinazioni di vendita al dettaglio e di intrattenimento sono più elevate rispetto alle altre principali economie della zona euro, rispetto ai livelli pre-epidemici, e hanno raggiunto il picco a fine maggio.

Ortones ha detto che il piano economico del nuovo primo ministro italiano Mario Draghi e la fornitura di fondi per il recupero dell’UE sarebbero “critici” per le aspettative dell’Italia nella seconda metà di quest’anno.

“Il piano finale presentato dal governo è più ampio di quanto ci aspettassimo lo scorso anno, quindi abbiamo aumentato le nostre previsioni per il medio termine”, ha affermato.

READ  'Cornmere' è Swanky Tag di Andrew Carmelini su Italian Steakhouse

L’indice del sentiment della Commissione europea si basa sulla valutazione delle condizioni economiche e finanziarie delle imprese e dei consumatori. L’Italia ha registrato progressi in tutti i settori, compreso il settore dei servizi più colpito.

Queste cifre sono arrivate quando la produzione economica della Francia è stata rivista al ribasso nel primo trimestre di quest’anno. Le stime preliminari suggeriscono che l’economia francese è cresciuta dello 0,4% trimestre su trimestre nei primi tre mesi di quest’anno, con una tendenza più ampia della zona euro.

Ma i dati aggiornati venerdì hanno mostrato che la produzione francese si è ridotta dello 0,1%, quindi si è unita a Germania, Italia e Spagna nel registrare la recessione tecnologica, definita come due crescite trimestrali negative consecutive.