Giugno 19, 2021

ilCaffevitruviano.it

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

SC accetta di porre fine alle operazioni contro due velisti italiani | Ultime notizie India

La Corte Suprema ha deciso di chiudere tutte le operazioni in India contro la marina italiana che nel 2012 ha ucciso due pescatori indiani al largo delle coste del Kerala. 10 crore sono stati depositati nel registro dell’Alta Corte per le famiglie delle vittime.

“Accettiamo la tua proposta. Eseguiremo il nostro ordine martedì”, ha affermato il tribunale composto dai giudici Indira Banerjee e MR Shah, aggiungendo che il risarcimento dovrebbe essere trasferito all’Alta Corte del Kerala in modo che la fornitura possa essere monitorata correttamente.

Il procuratore generale Tushar Mehta, comparso al Centro, ha accettato il parere del tribunale e quindi del governo del Kerala e della Repubblica italiana.

Ad aprile, il Centro ha informato la Corte Suprema che le famiglie di due pescatori indiani uccisi dalla Marina Militare Italiana avevano ricevuto un “adeguato” risarcimento, che ha cercato di chiudere rapidamente il procedimento dinanzi allo SC e di ascoltare un procedimento penale pendente in un tribunale speciale a Delhi.

Il governo italiano si è offerto di pagare il totale, secondo il Consenso del Centro, datato 5 gennaio, recensito da HD 10 crore. Anche le famiglie dei due pescatori morti hanno accettato di risarcire Un ulteriore Rs 4 crore Il governo italiano ha già pagato 2 crore di rupie. Anche il proprietario ferito della barca ha ammesso di aver ricevuto danni 2 crore.

Mehta ha detto a un tribunale guidato dall’allora capo della giustizia indiana SA Bobte che il risarcimento sarebbe stato pagato alle famiglie delle vittime come deciso da un tribunale internazionale nel maggio 2020.

READ  La Corte Suprema chiude il caso di omicidio contro due marinai italiani: The Tribune India

Tuttavia, è stato segnalato un risarcimento Le famiglie delle vittime non sono state ancora pagate 10 crore di rupie e l’Alta Corte ha chiesto all’Italia di depositarle prima presso il Ministero degli Affari Esteri e poi depositarle presso l’Alta Corte per il rilascio alle vittime.

La causa pendente presso la Corte Suprema è un ricorso presentato da due marinai, Massimiliano Ladorre e Salvador Giron, contro la sentenza dell’Alta Corte del Kerala del maggio 2012, che ha affermato che il Kerala ha il potere di ascoltarli. L’Alta Corte ha stabilito che i marines non hanno subito alcuna opposizione da parte dello stato poiché il fuoco sui pescatori non era per la protezione della nave o dello stato.

La Marina e il governo italiano si sono rivolti all’Alta Corte, che ha trasferito il processo a un tribunale speciale di Delhi nel 2013, dove è continuato fino a quando la Corte suprema lo ha sospeso nel 2015 dopo aver esaminato i casi pendenti davanti alla Corte permanente di arbitrato (PCA). Nell’hack dei Paesi Bassi. Nel frattempo, i marines furono autorizzati a tornare a casa con l’assicurazione dell’ambasciatore italiano che sarebbero tornati quando necessario.

La procedura arbitrale prima della PCA è stata istituita ai sensi della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare il 26 giugno 2015, dopo che l’Italia ha emesso una dichiarazione sull’India ai sensi di un trattato internazionale che definisce i diritti e le responsabilità dei paesi rispetto alla loro condotta e uso. Gestione dei mari e degli oceani e delle risorse marine naturali.

Nel maggio 2020, il tribunale ha stabilito che i marinai al momento dell’incidente godevano dell’immunità perché svolgevano funzioni ufficiali come funzionari del governo italiano. Ha quindi ordinato all’India di sospendere i procedimenti penali contro di loro. Allo stesso tempo, il tribunale ha stabilito che l’Italia aveva violato il diritto di navigazione dell’India sparando su un peschereccio e che l’India avrebbe dovuto pagare un risarcimento per la perdita di vite umane e danni alla proprietà.

READ  'Pirelli non è da biasimare, le squadre giocano con le gomme basse'